BMS
Lung Unit
Novartis
XagenaNewsletter

Studio METEOR : Cabozantinib versus Everolimus nel carcinoma a cellule renali avanzato


Cabozantinib ( Cabometyx ) è un inibitore orale della tirosin-chinasi che include MET, VEGFR e AXL. Lo studio randomizzato di fase 3 METEOR ha confrontato l'efficacia e la sicurezza di Cabozantinib rispetto all’inibitore mTOR Everolimus ( Afinitor ) nei pazienti con carcinoma renale avanzato progredito dopo precedente trattamento con inibitori VEGFR delle tirosin-chinasi.

Sono stati riportati i risultati di sopravvivenza globale finali di questo studio sulla base di una seconda analisi ad interim non-pianificata.

In questo studio in aperto, randomizzato, di fase 3, sono stati assegnati in modo casuale pazienti di età a partire da 18 anni con carcinoma avanzato o metastatico a cellule renali a cellule chiare, malattia misurabile, e un precedente trattamento con uno o più inibitori VEGFR delle tirosin-chinasi a ricevere 60 mg di Cabozantinib una volta al giorno oppure 10 mg di Everolimus una volta al giorno.

I fattori di stratificazione erano gruppo di rischio MSKCC ( Memorial Sloan Kettering Cancer Center ) e numero di trattamenti precedenti con inibitori VEGFR delle tirosin-chinasi.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione, valutata da un Comitato di revisione indipendente di radiologia nei primi 375 pazienti assegnati in modo casuale, ed è stato riportato in precedenza.

Gli endpoint secondari erano la sopravvivenza globale e la risposta obiettiva in tutti i pazienti assegnati in modo casuale valutati per intention-to-treat.
La sicurezza è stata valutata secondo il protocollo in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.

L’arruolamento dei pazienti nello studio è stato chiuso, ma il trattamento e il follow-up dei pazienti arruolati è in corso per la valutazione della sicurezza a lungo termine.

Tra il 2013 e il 2014, 658 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Cabozantinib ( n=330 ) oppure Everolimus ( n=328 ).

La durata mediana del follow-up per la sopravvivenza e la sicurezza complessive è stata di 18.7 mesi nel gruppo Cabozantinib e di 18.8 mesi nel gruppo Everolimus.

La sopravvivenza mediana globale è stata di 21.4 mesi con Cabozantinib e di 16.5 mesi con Everolimus ( hazard ratio, HR=0.66; P=0.00026 ).

Il trattamento con Cabozantinib ha portato anche a un miglioramento della sopravvivenza libera da progressione ( HR=0.51; P minore di 0.0001 ) e della risposta obiettiva ( 17% con Cabozantinib vs 3% con Everolimus; P minore di 0.0001 ) per revisione indipendente di radiologia tra tutti i pazienti randomizzati.

I più comuni eventi avversi di grado 3 o 4 sono stati ipertensione ( 49, 15%, nel gruppo Cabozantinib vs 12, 4%, nel gruppo Everolimus ), diarrea ( 43, 13%, vs 7, 2% ), affaticamento ( 36, 11%, vs 24, 7% ), sindrome da eritrodisestesia palmo-plantare ( 27, 8%, vs 3, 1% ), anemia ( 19, 6%, vs 53, 17% ), iperglicemia ( 3, 1%, vs 16, 5% ) e ipomagnesemia ( 16, 5%, vs nessuno ).

Gravi eventi avversi di grado 3 o superiore si sono verificati in 130 pazienti ( 39% ) nel gruppo Cabozantinib e in 129 ( 40% ) nel gruppo Everolimus.
Un decesso correlato al trattamento si è verificato nel gruppo Cabozantinib ( morte, non altrimenti specificata ) e 2 si sono verificati nel gruppo Everolimus ( una infezione da aspergillus e una polmonite da aspirazione ).

Il trattamento con Cabozantinib ha aumentato la sopravvivenza globale, ritardato la progressione della malattia, e ha migliorato la risposta obiettiva rispetto a Everolimus.
Sulla base di questi risultati, Cabozantinib dovrebbe essere considerato come una nuova opzione di trattamento standard-of-care per i pazienti precedentemente trattati con carcinoma renale avanzato.
I pazienti devono essere monitorati per eventi avversi che potrebbero richiedere modifiche del dosaggio. ( Xagena2016 )

Choueiri TK et al, Lancet 2016; 17: 917-927

Onco2016 Nefro2016 Uro2016 Farma2016


Indietro