Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
Controversies in Genitourinary Tumors
Melanome
Tumore polmone

Studio PROSPER: Enzalutamide riduce il rischio di metastasi o di morte del 71% negli uomini con carcinoma prostatico resistente alla castrazione non-metastatico


Sono stati resi noti i risultati dello studio di fase 3 PROSPER nei pazienti con tumore prostatico resistente alla castrazione non-metastatico ( M0 ) ( CRPC ).
I risultati hanno mostrato che la somministrazione di Enzalutamide ( Xtandi ), un inibitore del recettore degli androgeni, più terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) riduce in modo significativo il rischio di sviluppare metastasi o morte del 71% rispetto alla sola terapia ADT.
La mediana per l'endpoint primario, sopravvivenza libera da metastasi ( MFS ), è stata di 36.6 mesi per gli uomini che hanno ricevuto Enzalutamide, rispetto a 14.7 mesi con la sola terapia di deprivazione androgenica ( n = 1401, hazard ratio, HR = 0.29 [ IC 95%: 0.24-0.35 ]; p inferiore a 0.0001 ).

PROSPER ha inoltre studiato il tempo alla progressione dell'antigene prostatico specifico ( PSA ), tempo al primo impiego di nuove terapie antineoplastiche e sopravvivenza globale ( OS ), come endpoint secondari chiave.

L'analisi ha dimostrato che i pazienti che hanno ricevuto Enzalutamide più ADT hanno presentato una riduzione del 93% del rischio relativo di progressione del PSA rispetto ai pazienti che hanno ricevuto solo ADT ( HR = 0.07 [ IC 95%: 0.05-0.08 ] P inferiore a 0.0001 ).
Enzalutamide più ADT ha ritardato il tempo mediano alla progressione del PSA di 33.3 mesi ( 37.2 mesi [ IC 95%: 33.1-NR ] rispetto a 3.9 mesi con ADT da solo [ IC 95%: 3.8-4.0 ] ).

Enzalutamide più ADT ha prolungato il tempo mediano al primo utilizzo di una nuova terapia antineoplastica di 21.9 mesi rispetto alla sola terapia ADT ( 39.6 mesi [ IC 95%: 37.7-NR ] vs 17.7 mesi [ IC 95%: 16.2-19.7 ] ), una riduzione del rischio relativo del 79% ( HR = 0.21 [ IC 95%: 0.17-0.26 ]; p inferiore a 0.0001 ).

Al momento della prima analisi ad interim, la sopravvivenza globale mediana non era ancora stata raggiunta in entrambi i bracci di trattamento.
Tuttavia, questi risultati intermedi hanno dimostrato una tendenza a favore di Enzalutamide che non era statisticamente significativa ( HR = 0.80 [ IC 95%: 0.58-1.09 ]; p = 0.1519 ).

Gli eventi avversi nello studio PROSPER erano generalmente in linea con quelli riportati in precedenti studi clinici con Enzalutamide in pazienti con carcinoma della prostata resistente alla castrazione metastatico.
Eventi avversi di grado 3 o superiore sono stati riportati nel 31% degli uomini trattati con Enzalutamide più ADT, e nel 23% degli uomini trattati con solo ADT.
Gli eventi avversi più comuni ( 2% o più ) di grado 3 o maggiore che sono stati riportati più spesso nei pazienti trattati con Enzalutamide più ADT comprendevano ipertensione ( 5% vs 2% ) e affaticamento ( 3% vs 1% ).

Eventi cardiovascolari avversi maggiori ( MACE ) sono stati riportati nel 5% dei pazienti che hanno ricevuto Enzalutamide più ADT e il 3% con ADT da solo.
Tre crisi convulsive ( meno dell'1% ) sono state riportate nei pazienti trattati con Enzalutamide più ADT, contro nessuno nel braccio terapia ADT.

La percentuale di pazienti in cui gli eventi avversi hanno rappresentato la causa principale di interruzione del trattamento è risultata bassa in entrambi i bracci dello studio ( 9% con Enzalutamide più ADT contro il 6% con solo ADT ).

PROSPER, uno studio di fase 3, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo e multinazionale, ha arruolato circa 1.400 pazienti con carcinoma prostatico resistente alla castrazione non-metastatico negli Stati Uniti, Canada, Europa, Sud America e Regione Asia-Pacifico.
Il criterio di ingresso era la progressione della neoplasia in base a un aumentato livello di antigene prostatico specifico nonostante la terapia di deprivazione androgenica, ma in assenza di sintomi e nessuna evidenza di malattia metastatica.
Lo studio ha valutato Enzalutamide al dosaggio di 160 mg, per os una volta al giorno, più ADT, rispetto al placebo più ADT.
L'endpoint primario dello studio PROSPER era rappresentato dalla sopravvivenza libera da metastasi, una misura della quantità di tempo che trascorre fino a quando un tumore può essere rilevato radiograficamente con metastasi, o fino al decesso, entro 112 giorni dall'interruzione del trattamento.
Gli endpoint secondari includevano tempo alla progressione del PSA, tempo al primo impiego della terapia antineoplastica e sopravvivenza generale. ( Xagena2018 )

Fonte: Astellas, 2018

Uro2018 Onco2018 Farma2018


Indietro