Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore polmone
ForumOncologico

Terapia di deprivazione androgenica con o senza radioterapia nel trattamento del carcinoma della prostata con linfonodi clinicamente positivi


Il carcinoma della prostata con linfonodi clinicamente positivi è una patologia generalmente associata a esito fatale e la sua gestione ottimale rimane in gran parte indefinita a causa della mancanza di dati prospettici randomizzati che informino la pratica clinica.

Uno studio ha cercato di definire i moderni modelli di pratica clinica nella gestione del carcinoma prostatico linfonodo-positivo e ha valutato l'effetto dell'aggiunta di radioterapia alla terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) sulla sopravvivenza, utilizzando le informazioni contenute nel National Cancer Database.

Lo studio ha incluso un totale di 3.540 pazienti con diagnosi di tumore della prostata con linfonodi clinicamente positivi, senza metastasi a distanza, nel periodo 2004-2011.

Per i pazienti con diagnosi nel periodo 2004-2006 e trattati con sola terapia di deprivazione androgenica o con terapia di deprivazione androgenica associata a radioterapia, sono stati confrontati i tassi di sopravvivenza globale a 5 anni.

Le caratteristiche al basale dei pazienti sono state bilanciate in base al corrispondente Propensity Score ( PS ).

Fra i 3.540 pazienti inclusi nello studio, il 32.2% è stato trattato con sola terapia di deprivazione androgenica, mentre il 51.4% è stato trattato con terapia di deprivazione androgenica in associazione a radioterapia.

Rispetto alla sola terapia di deprivazione androgenica, i pazienti trattati con l'aggiunta di radioterapia erano più giovani, con maggiori probabilità di avere assicurazioni sanitarie private, e presentavano punteggi di comorbilità più bassi, punteggi Gleason più alti e valori di antigene prostatico specifico ( PSA ) inferiori.

Dopo corrispondenza per Propensity Score, ciascun gruppo era composto da 318 pazienti.
Rispetto alla sola terapia di deprivazione androgenica, l'associazione con radioterapia è stata associata a una diminuzione del 50% del rischio di morte a 5 anni per qualsiasi causa ( hazard ratio, HR = 0.50; intervallo di confidenza [ IC ] 95%: 0.37-0.67; valore di P per test a due code inferiore a 0.001; tasso grezzo di sopravvivenza globale 71.5% vs 53.2% ).

In conclusione, utilizzando un ampio database nazionale, lo studio ha evidenziato un beneficio statisticamente significativo in termini di sopravvivenza nei pazienti con carcinoma prostatico linfonodo-positivo trattati con terapia di deprivazione androgenica in associazione a radioterapia.
Questi dati, se opportunamente convalidati da studi randomizzati, suggeriscono che una considerevole percentuale di pazienti con alto rischio di morte per cancro alla prostata può essere sottoposta a un trattamento efficace. ( Xagena2015 )

Lin C et al, J Natl Cancer Inst 2015; 107 (7): djv119

Onco2015 Uro2015 Farma2015


Indietro