Novartis
OncoHub
Roche Oncologia
Tumore prostata

Trastuzumab associato a chemioterapia citotossica per il trattamento del osteosarcoma metastatico con iperespressione di HER2


Nonostante gli sforzi per intensificare la chemioterapia, la sopravvivenza per i pazienti con osteosarcoma metastatico rimane ridotta.

È stato dimostrato che la sovraespressione del recettore 2 del fattore di crescita epidermico umano ( HER2 ) nel osteosarcoma predice una scarsa risposta terapeutica e una diminuzione della sopravvivenza.

Uno studio ha valutato la sicurezza e l’attuabilità della somministrazione di farmaci a bersaglio biologico combinando Trastuzumab ( Herceptin ) con la chemioterapia standard in pazienti con osteosarcoma metastatico e sovraespressione di HER2.

Tra i 96 pazienti valutabili con osteosarcoma metastatico di nuova diagnosi, 41 hanno presentato tumori positivi per HER2 all’esame immunoistochimico.

Tutti i pazienti hanno ricevuto chemioterapia con Cisplatino, Doxorubicina, Metotrexato, Ifosfamide ed Etoposide.

Dexrazoxano ( Cardioxane ) è stato somministrato con Doxorubicina per minimizzare il rischio di cardiotossicità del trattamento con Trastuzumab e una antraciclina.

Solo pazienti con sovraespressione di HER2 hanno ricevuto terapia concomitante con Trastuzumab somministrato per 34 settimane consecutive.

I tassi di sopravvivenza libera da eventi e di sopravvivenza generale a 30 mesi per i pazienti con sovraespressione di HER2 trattati con chemioterapia e Trastuzumab sono stati, rispettivamente, pari a 32% e 59%.

Per i pazienti senza sovraespressione di HER2, trattati con la sola chemioterapia, i tassi di sopravvivenza libera da eventi e di sopravvivenza generale a 30 mesi sono stati, rispettivamente, pari a 32% e 50%.

Non è stata osservata cardiotossicità clinicamente significativa a breve termine in pazienti trattati con Trastuzumab e Doxorubicina.

In conclusione, nonostante la chemioterapia intensiva più Trastuzumab per i pazienti con malattia positiva per HER2, l’esito per tutti i pazienti è risultato scarso, senza differenza significativa tra i gruppi HER2-positivo e HER2-negativo.
Benché queste osservazioni suggeriscano che Trastuzumab può essere somministrato in modo sicuro in combinazione con chemioterapia a base di antraciclina e Dexrazoxano, il suo beneficio terapeutico resta incerto.
La valutazione definitiva del potenziale ruolo di Trastuzumab nel trattamento dell’osteosarcoma richiede uno studio randomizzato di pazienti con malattia HER2+. ( Xagena2012 )

Ebb D et al, J Clin Oncol 2012; 30: 2545-2551


Onco2012 Farma2012


Indietro