Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
OncoDermatologia

Trattamento della recidiva dei tumori a cellule germinali non-seminomatosi di stadio clinico I nel corso della sorveglianza


La sorveglianza attiva ( AS ) per i tumori testicolari delle cellule germinali non-seminomatose ( NSGCT ) è ampiamente utilizzata.
Sebbene non vi sia consenso per un trattamento ottimale alla recidiva durante la sorveglianza, i pazienti a livello globale in genere ricevono la chemioterapia.

E'stato descritto il trattamento delle recidive nella coorte NSGCT AS non-adattata al rischio, ed è stato evidenziato l'uso selettivo della dissezione dei linfonodi retroperitoneali primaria ( RPLND ).

Dal 1980 al 2015, 580 pazienti con tumore NSGCT in stadio clinico I sono stati sottoposti a sorveglianza attiva e 162 successivamente hanno recidivato.
Il trattamento di prima linea era basato sul sito e sull'estensione della recidiva.
Sono stati esaminati i fattori associati alla necessità di una terapia multimodale alla recidiva con sorveglianza attiva.

Il tempo mediano alla recidiva è stato di 7.4 mesi. La maggior parte delle recidive erano limitate al retroperitoneo ( 66% ).
Dopo la recidiva, il trattamento di prima linea era la chemioterapia per 95 ( 58.6% ) e la dissezione linfonodale retroperitoneale per 62 pazienti ( 38.3% ) e 5 pazienti ( 3.1% ) sono stati sottoposti ad altra terapia.
In 103 ( 65.6% ), è stata necessaria una sola modalità di trattamento: solo chemioterapia in 58 su 95 ( 61% ) e solo dissezione linfonodale retroperitoneale in 45 su 62 ( 73% ).

I fattori associati alla terapia con recidiva multimodale erano dimensioni maggiori dei linfonodi ( odds ratio, OR= 2.68; P=0.045 ) nei pazienti sottoposti a chemioterapia e marcatori tumorali elevati ( OR=6.05; P=0.008 ) nei pazienti sottoposti a dissezione dei linfonodi retroperitoneali.

Quando la dissezione linfonodale retroperitoneale è stata eseguita con marker normali, l'82% non ha richiesto ulteriori trattamenti.
La seconda recidiva si è verificata in 30 pazienti su 162 ( 18.5% ).

Durante il follow-up mediano di 7.6 anni, ci sono stati 5 decessi ( 3.1% delle recidive con sorveglianza attiva, ma l'0.8% dell'intera coorte sorveglianza attiva ) per tumore NSGCT o complicanze del trattamento.

Il retroperitoneo è il sito più comune di recidiva del tumore a cellule germinali non-seminomatoso nello stadio clinico I durante sorveglianza attiva.
La maggior parte dei pazienti guarisce con un trattamento a modalità singola.
La dissezione dei linfonodi retroperitoneali deve essere presa in considerazione per i pazienti recidivati, in particolare quelli con malattia limitata al retroperitoneo e marcatori normali, come opzione per evitare la chemioterapia. ( Xagena2019 )

Hamilton RJ et al, J Clin Oncol 2019; 37: 1919-1926

Onco2019 Uro2019 


Indietro