Janssen Oncology
OncoHub
Oncologia Morabito
Novartis

Trattamento neoadiuvante con Capecitabina e Oxaliplatino prima di chemioterapia ed escissione mesorettale totale in carcinoma rettale a basso rischio definito con risonanza magnetica


Pazienti con carcinoma colorettale a basso rischio definito con risonanza magnetica possono essere ad alto rischio di ricorrenza della malattia nonostante la chemioradioterapia standard e la chirurgia ottimale.

Uno studio ha valutato la sicurezza e l’efficacia a lungo termine della chemioterapia neoadiuvante con Capecitabina ( Xeloda ) e Oxaliplatino ( Eloxatin ) prima della chemioterapia e dell’escissione mesorettale totale, una strategia di trattamento messa a punto per migliorare l’esito in questa popolazione.

Nel periodo 2001-2005, sono stati arruolati nello studio pazienti con tumore del retto a basso rischio definito con risonanza magnetica ad alta risoluzione e senza malattia metastatica.

Il protocollo è stato modificato a gennaio 2004, in seguito a eventi cardiotossici clinicamente significativi ( 9 eventi in 8 dei 77 pazienti ), per escludere i pazienti con una storia recente di problemi cardiaci clinicamente significativi.

I pazienti sono stati sottoposti per 12 settimane a terapia neoadiuvante con Capecitabina e Oxaliplatino ( Oxaliplatino 130 mg/m2 al giorno 1 con Capecitabina 1000 mg/m2 2 volte al giorno per 14 giorni ogni 3 settimane ) seguita da chemioradioterapia ( 54 Gy in 6 settimane ) con Capecitabina ( 825 mg/m2 2 volte al giorno ), escissione mesorettale totale e 12 settimane di trattamento post-operatorio neoadiuvante con Capecitabina ( 1250 mg/m2 2 volte al giorno per 14 giorni ogni 3 settimane ).

L’end point primario era il tasso di risposta patologica completa e i pazienti sono stati seguiti per un periodo mediano di 55 mesi ( intervallo interquartile 47-67 ).

Le analisi di efficacia sono state condotte su una popolazione per intention-to-treat, se non altrimenti specificato.

Sono stati arruolati 105 pazienti.

I tassi di risposta radiologica dopo chemioterapia neoadiuvante e chemioradioterapia sono stati, rispettivamente, pari al 74% e all’89%.

In totale, 97 pazienti sono stati sottoposti a intervento chirurgico e di questi 95 a escissione totale mesorettale 93 dei quali hanno presentato margini di resezione puliti e 21 risposta patologica completa ( 20% ).

A 3 anni, la sopravvivenza libera da progressione e generale sono state, rispettivamente, pari al 68% e all’83%.

A 3 anni la sopravvivenza libera da recidiva per pazienti con resezione completa è stata del 74%.

Dopo la modifica del protocollo per sicurezza cardiovascolare, è stato osservato solo un altro evento tromboembolico ( embolia polmonare fatale ).

In conclusione, l’intensificazione della terapia sistemica con chemioterapia di combinazione neoadiuvante prima del trattamento standard è adatta in caso di tumori rettali a basso rischio potenzialmente operabili, con un profilo di sicurezza accettabile ed esiti promettenti a lungo termine. ( Xagena2010 )

Chua YJ et al, Lancet Oncol 2010; 11: 241-248


Onco2010 Farma2010 Gastro2010


Indietro