Lung Unit
BMS
Novartis
Tumore polmone

Trebananib in combinazione con Sunitinib nel trattamento dei pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico


Trebananib ( AMG 386 ) è una proteina ricombinante sperimentale ottenuta per fusione di un peptide con il frammento Fc, che agisce neutralizzando l'interazione del recettore TIE2 con i suoi ligandi, rappresentati dall'angiopoietina 1 e 2.

Lo studio clinico di fase II è stato condotto al fine di valutare l'efficacia di Trebananib in associazione a Sunitinib ( Sutent ) ( inibitore del fattore di crescita dell'endotelio vascolare [ VEGF ] ) nel trattamento dei pazienti con carcinoma renale a cellule chiare in stadio metastatico.

Lo studio ha incluso pazienti adulti con carcinoma renale metastatico, di seguito arruolati in 2 coorti.
I pazienti della coorte A hanno ricevuto 50 mg di Sunitinib ( una volta al giorno per 4 settimane, seguite da 2 settimane di riposo ) e Trebananib per via endovenosa alla dose di 10 mg/kg ( una volta a settimana ).
I pazienti della coorte B hanno ricevuto le stessi dosi di Sunitinib, associate a una dose di 15 mg/kg di Trebananib, somministrato per via endovenosa una volta a settimana.

Gli end-point primari dello studio erano: incidenza di eventi avversi e interruzione della somministrazione di Sunitinib entro le prime 12 settimane di trattamento.
Gli end-point secondari dello studio hanno incluso il tasso di risposta obiettiva e la sopravvivenza libera da progressione.

Ottantacinque pazienti sono stati arruolati nello studio, 43 nella coorte A e 42 nella coorte B.

Durante le prime 12 settimane di trattamento, il 58% dei pazienti nella coorte A e il 57% dei pazienti nella coorte B ha dovuto interrompere il trattamento con la dose stabilita di Sunitinib ( diminuzione della dose, attesa o sospensione del trattamento ).

Le reazioni avverse più frequenti sono state diarrea ( coorte A: 74%; coorte B: 67% ), infiammazione delle mucose ( coorte A: 49%; coorte B: 60% ) e ipertensione ( coorte A: 52%; coorte B: 45% ).
Reazioni avverse di grado 3 o superiore sono state osservate nel 58% dei pazienti della coorte A e nel 69% dei pazienti della coorte B.

Il tasso di risposta obiettiva è stato del 58% nella coorte A e del 63% nella coorte B.
La mediana della sopravvivenza libera da progressione è stata di 13.9 mesi ( intervallo di confidenza [ IC ] 95%: 10.4-19.2 ) nella coorte A e di 16.3 mesi ( IC 95%: 13.1-21.4 ) nella coorte B.

La sopravvivenza globale mediana è stata di 36 mesi ( IC 95%: da 25.2 mesi a valore non-stimabile ) nella coorte A, mentre non era stimabile nella coorte B ( follow-up mediano, 25 mesi ).

In conclusione, alle dosi utilizzate, la somministrazione di Trebananib in associazione a Sunitinib sembra essere associata a un aumento della tossicità.
I risultati ottenuti in termini di efficacia suggeriscono tuttavia un potenziale beneficio per l'aggiunta di Trebananib a Sunitinib. ( Xagena2015 )

Atkins MB et al, J Clin Oncol 2015; 33: 3431-3438

Onco2015 Nefro2015 Farma2015


Indietro