San Raffaele Urologic Oncology Retreat
Natera Banner
Gilead Banner
Bayer Banner

Veliparib in combinazione con chemioterapia a base di Platino per il trattamento di prima linea del tumore polmonare a cellule squamose avanzato


Il tumore polmonare squamoso non-a-piccole cellule ( sqNSCLC ) è geneticamente complesso con evidenza di danno al DNA.
Uno studio di fase III ha studiato l'efficacia e la sicurezza dell'inibitore PARP ( poli-ADP-ribosio polimerasi ) Veliparib in combinazione con la chemioterapia convenzionale per il tumore sqNSCLC in fase avanzata.

I pazienti di età maggiore o uguale a 18 anni con tumore sqNSCLC avanzato non-trattato sono stati assegnati in modo casuale a Carboplatino e Paclitaxel con Veliparib 120 mg due volte al giorno o placebo due volte al giorno per un massimo di 6 cicli.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale ( OS ) nel braccio Veliparib rispetto al braccio di controllo nei fumatori attuali, sulla base dei risultati di fase II.
Sono stati forniti campioni di tumore d'archivio per l'analisi dei biomarcatori utilizzando un classificatore istologico di espressione di 52 geni ( LP52 ).

Complessivamente, 970 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Carboplatino e Paclitaxel più Veliparib ( n=486 ) o placebo ( n=484 ); il 57% erano fumatori attuali.
Non vi è stato alcun beneficio significativo in termini di sopravvivenza globale con Veliparib nei fumatori attuali, con la sopravvivenza mediana globale pari a 11.9 contro 11.1 mesi ( hazard ratio, HR=0.905; P=0.266 ).

Nella popolazione complessiva, la sopravvivenza globale ha favorito Veliparib; la sopravvivenza globale mediana è stata di 12.2 contro 11.2 mesi ( HR=0.853 ), senza differenze nella sopravvivenza libera da progressione ( mediana 5.6 mesi per braccio ).

Nei pazienti con campioni tumorali valutabili con biomarcatore ( n=360 ), la sopravvivenza globale ha favorito Veliparib nella popolazione LP52-positiva ( mediana 14.0 vs 9.6 mesi; HR=0.66 ), ma ha favorito il placebo nella popolazione LP52-negativa ( mediana 11.0 vs 14.4 mesi ).
Non sono stati osservati nuovi segnali di sicurezza nel braccio sperimentale.

Nei fumatori attuali con tumore sqNSCLC avanzato, non vi è stato alcun beneficio terapeutico nell'aggiungere Veliparib alla chemioterapia di prima linea.
La firma LP52 può identificare un sottogruppo di pazienti che potrebbero trarre beneficio da Veliparib con la chemioterapia. ( Xagena2021 )

Ramalingam SS et al, J Clin Oncol 2021; 39: 3633-3644

Pneumo2021 Onco2021 Farma2021



Indietro