Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
Tumore Ovaie

Vismodegib nei pazienti con carcinoma basocellulare avanzato


L’inibitore della via Hedgehog, Vismodegib ( Erivedge ), ha dimostrato benefici clinici nei pazienti con carcinoma a cellule basali ed è approvato per il trattamento di pazienti con carcinoma basocellulare avanzato per i quali l'intervento chirurgico non è appropriato.

Lo studio STEVIE è stato progettato per valutare la sicurezza di Vismodegib in una situazione simile alla pratica di routine, con un lungo follow-up.

In questo studio multicentrico, in aperto, i pazienti adulti con carcinoma basocellulare, istologicamente confermato, localmente avanzato o carcinoma a cellule basali metastatico sono stati reclutati da Centri di riferimento regionali o cliniche specializzate.

I pazienti eleggibili avevano un’età di almeno 18 anni con un performance status ECOG ( Eastern Cooperative Oncology Group ) di 0-2, e un'adeguata funzione d'organo.

I pazienti con carcinoma basocellulare localmente avanzato erano stati ritenuti non-ammissibili per un intervento chirurgico.

Tutti i pazienti hanno ricevuto 150 mg di Vismodegib in capsule orali una volta al giorno in modo continuativo in cicli di 28 giorni.

L'obiettivo primario era la sicurezza ( incidenza di eventi avversi, fino a progressione della malattia o effetti tossici inaccettabili ), con valutazioni il giorno 1 di ogni ciclo di trattamento ( 28 giorni ).
Le variabili di efficacia sono state valutate come endpoint secondari.

La popolazione valutabile per la sicurezza ha incluso tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.
I pazienti con carcinoma basocellulare istologicamente confermato che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio sono stati inclusi nell'analisi di efficacia.

Un'analisi ad interim è stata pre-programmata dopo che 500 pazienti avevano raggiunto 1 anno di follow-up.

Tra il 2011 e il 2014 sono stati arruolati 1.227 pazienti.

Al cutoff clinico ( 2013 ), 499 pazienti ( 468 con carcinoma basocellulare localmente avanzato e 31 con carcinoma a cellule basali metastatico ) avevano ricevuto il farmaco in studio e avevano il potenziale per essere seguiti per 12 mesi o più.

Il trattamento è stato interrotto in 400 ( 80% ) pazienti; 180 ( 36% ) hanno presentato eventi avversi, 70 ( 14% ) hanno avuto progressione della malattia, e 51 ( 10% ) hanno chiesto di interrompere il trattamento.

La durata mediana dell'esposizione a Vismodegib è stata di 36.4 settimane.

Eventi avversi sono avvenuti in 491 ( 98% ) pazienti; i più comuni sono stati spasmi muscolari ( 317, 64% ), alopecia ( 307, 62% ), disgeusia ( 269, 54% ), perdita di peso ( 162, 33% ), astenia ( 141, 28% ) , diminuzione dell'appetito ( 126, 25% ), ageusia ( 112, 22% ), diarrea ( 83, 17% ), nausea ( 80, 16% ) e fatica ( 80, 16% ).

La maggior parte degli eventi avversi erano di grado 1 o 2.
Sono stati registrati eventi avversi gravi in 108 ( 22% ) di 499 pazienti.

Dei 31 pazienti che sono morti, 21 sono deceduti a causa di eventi avversi.

Sulla base della valutazione dei ricercatori, 302 ( 66.7% ) pazienti su 453 con carcinoma basocellulare localmente avanzato hanno presentato una risposta globale ( 153 risposte complete e 149 risposte parziali ); 11 ( 37.9% ) pazienti su 29 con carcinoma a cellule basali metastatico hanno avuto una risposta globale ( 2 risposte complete, 9 risposte parziali ).

Questo studio ha valutato l'uso di Vismodegib in un ambito rappresentativo di routine per i pazienti con carcinoma avanzato a cellule basali.
I risultati hanno dimostrato che il trattamento con Vismodegib aggiunge una nuova modalità terapeutica che può avvantaggiare i pazienti con carcinoma a cellule basali. ( Xagena2015 )

Basset-Seguin et al, Lancet 2015;16:729-736

Onco2015 Dermo2015 Farma2015


Indietro