BMS
Novartis
Lung Unit
Melanoma

Xgeva nel trattamento del tumore osseo a cellule giganti


L’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato una nuova indicazione per Xgeva ( Denosumab ) per il trattamento di adulti e adolescenti scheletricamente maturi con tumore a cellule giganti dell'osso ( GCTB ), non-resecabile o in cui la resezione chirurgica può provocare grave morbilità.

Xgeva è stato approvato in seguito a una revisione prioritaria da parte della FDA, riservata ai farmaci che offrono importanti progressi nel trattamento, o forniscono un trattamento quando non esiste una terapia adeguata.

Il tumore a cellule giganti dell'osso colpisce in genere individui di età compresa tra 20 e 40 anni. La malattia è caratterizzata da un tumore distruttivo dell’osso che si traduce spesso in fratture. Se non trattata, si traduce spesso in completa distruzione dell'osso interessato, che porta a fratture ossee, disfunzione articolare, deformità o amputazione.

L'approvazione di Xgeva si basa sui risultati positivi di due studi in aperto che hanno arruolato pazienti con tumore a cellule giganti dell'osso che era ricorrente o non-resecabile, o per il quale era previsto un intervento chirurgico suscettibile di provocare grave morbilità.
Il tasso di risposta obiettivo generale dei 187 pazienti valutati è stato del 25%. Il tempo medio alla risposta stimato è stato di 3 mesi.
Nei 47 pazienti con una risposta obiettiva, il 51% ( 24/47 ) ha avuto una durata della risposta della durata di almeno 8 mesi.
Tre pazienti hanno manifestato una progressione della malattia dopo una risposta obiettiva.

Il profilo di sicurezza di Xgeva in pazienti con tumore a cellule giganti dell'osso è risultato simile a quello riportato negli studi su pazienti con metastasi ossee ed è apparso anche essere simile negli adolescenti scheletricamente maturi e negli adulti.
I dati di sicurezza sono stati valutati in 304 pazienti con tumore a cellule giganti dell'osso che hanno ricevuto almeno una dose di Xgeva. Di questi pazienti, 145 sono stati trattati per almeno un anno.
Le reazioni avverse più comuni sono state artralgia, mal di testa, nausea, mal di schiena, stanchezza e dolore alle estremità. Le reazioni avverse gravi più comuni sono state osteonecrosi della mandibola e osteomielite.

Per i pazienti con tumore a cellule giganti dell'osso, Xgeva viene somministrato come iniezione sottocutanea ( 120 mg ) ogni 4 settimane con l'aggiunta di dosi da 120 di mg nei giorni 8 e 15 del primo mese di terapia.

Denosumab si lega al ligando RANK ( RANKL ), una proteina essenziale per la formazione, funzione e sopravvivenza degli osteoclasti, le cellule responsabili del riassorbimento osseo. I tumori a cellule giganti dell'osso sono costituiti da cellule stromali che esprimono RANKL e cellule giganti osteoclasto-like che esprimono il recettore RANK. Il segnalamento attraverso il recettore RANK contribuisce alla osteolisi e alla crescita tumorale. Denosumab impedisce a RANKL di attivare il suo recettore, RANK, sulla superficie degli osteoclasti, dei loro precursori e delle cellule giganti osteoclasto-like.

Il tumore a cellule giganti dell'osso è un tumore benigno localmente aggressivo, che colpisce i giovani adulti di età compresa tra 20 e 40 anni. Si stima che ci siano circa 300-800 nuovi casi di tumore a cellule giganti dell'osso ogni anno negli Stati Uniti. Il tumore a cellule giganti dell'osso è operabile in circa il 18-20% dei casi.

La maggior parte dei tumori si verifica nelle ossa lunghe del corpo, spesso intorno alle articolazioni, ma può anche diffondersi ai polmoni in rari casi. Anche se i tumori a cellule giganti sono a crescita lenta, i pazienti possono sperimentare dolore osseo grave, gonfiore, perdita di mobilità e frattura patologica.

Storicamente, non ci sono terapie approvate per il tumore a cellule giganti dell'osso. La chirurgia è l'opzione principale di trattamento per i pazienti con tumore a cellule giganti dell'osso operabile; tuttavia, l’intervento chirurgico, come l'amputazione, può essere associato a una significativa morbidità. Questi tumori hanno anche un alto tasso di recidiva entro i primi 3 anni di intervento chirurgico. Quando i tumori si ripetono, diventano più difficili da trattare e hanno più probabilità di diffondersi ad altre parti del corpo.

Nel 2010 l’FDA aveva approvato Xgeva per la prevenzione degli eventi scheletrici correlati ( SRE ) in pazienti con metastasi ossee da tumori solidi.
Xgeva non è indicato per la prevenzione degli eventi scheletrici correlati nei pazienti con mieloma multiplo.
Negli studi clinici, Xgeva ha dimostrato un miglioramento clinicamente significativo rispetto al precedente standard di cura nella prevenzione di queste complicanze ossee.

Xgeva può causare grave ipocalcemia sintomatica e sono stati segnalati casi mortali. È necessario correggere l’ipocalcemia preesistente prima del trattamento con Xgeva, monitorare i livelli di calcio e somministrare Calcio, Magnesio e Vitamina-D se necessario.

Nei pazienti trattati con Xgeva può verificarsi osteonecrosi della mascella ( ONJ ). I pazienti che sono sospettati di avere osteonecrosi della mascella o che la stanno sviluppando durante il trattamento con Xgeva devono ricevere cure da un dentista o da un chirurgo orale. In questi pazienti, l'intervento chirurgico odontoiatrico per il trattamento della osteonecrosi della mascella può esacerbare la condizione.

Fratture femorali atipiche sono state segnalate con Xgeva. La causalità non è stata stabilita dato che queste fratture si verificano anche in pazienti osteoporotici che non sono stati trattati con farmaci anti-riassorbimento. Un certo numero di studi riporta che i pazienti erano sottoposti a terapia con glucocorticoidi al momento della frattura.

Ogni paziente che si presenta con dolore alla coscia o all'inguine dovrebbe essere sospettato di avere una frattura atipica e dovrebbe essere valutato per escludere una frattura del femore incompleta. Deve essere considerata l'interruzione della terapia con Xgeva, in attesa di una valutazione del rischio / beneficio su base individuale.

Xgeva può causare danno fetale quando somministrato a donne in gravidanza. È opportuno raccomandare alle donne in età riproduttiva di usare un metodo contraccettivo altamente efficace durante la terapia e per almeno 5 mesi dopo l'ultima dose di Xgeva. ( Xagena2013 )

Fonte: Amgen, 2013

Onco2013 Endo2013 Farma2013


Indietro